Maturità 2019: consigli sulla scelta della traccia al tema di italiano

La prima prova scritta di italiano nella scuola, che avrà luogo il 19 giugno, si rinnova per questo 2019. Gli studenti hanno già avuto modo di affrontare le simulazioni nazionali, che hanno sicuramente offerto loro molte indicazioni utili, ma saranno in grado di scegliere la traccia più adatta per loro il giorno dell’esame? Sappiamo quanto questa scelta possa risultare ardua e proprio per questo motivo abbiamo deciso di offrire alcuni consigli per orientarsi al meglio.

Ecco la tipologia di studente e di preparazione ideale a nostro avviso per ogni traccia:

  • La traccia ideale per chi è ben preparato in letteratura: la tipologia A. La tipologia A consiste nell’analisi del testo. Si hanno a disposizione infatti due tracce, di solito una di poesia e una di prosa di autori dopo l’Unità d’Italia, con varie domande che consentono allo studente di analizzare sia lo stile che il significato del testo e di analizzarne anche i contenuti. In molti credono che una buona capacità di comprensione del testo sia l’unica cosa che conta per affrontare bene questa prova e invece non è così, è necessario un’ottima preparazione nelle materie letterarie, perché è importante riuscire a parlare anche dell’autore, del suo contesto storico, della corrente letteraria di cui fa parte.
  • La traccia ideale per chi sa argomentare bene: la tipologia B. La tipologia B consiste in un testo argomentativo. Si tratta di una novità, introdotta proprio per l’esame di maturità del 2019. Lo studente ha a sua disposizione tre tracce con vari ambiti di riferimento, dalla filosofia alla storia, dalla letteratura alla scienza, dalla tecnologia all’arte, dal sociale all’economia. Lo studente avrà per ogni ambito un argomento centrale da dover sviluppare e un documento o testo, con alcune domande a cui rispondere. Si tratta di una delle tracce a nostro avviso più semplici perché lo studente è ben guidato nella redazione di del testo e perché si offre molto spazio anche al pensiero personale, ma è bene saper argomentare al meglio per poter ottenere un buon risultato. Di sicuro è la traccia più versatile, adatta insomma più o meno a tutti.
  • La traccia per chi è molto bravo nella scrittura e ha un carattere riflessivo: la tipologia C. La tipologia C corrisponde al tema di attualità. Lo studente deve sviluppare l’argomento, seguendo il titolo e la citazione di solito presente, argomentando con le proprie personali conoscenze. Si tratta della traccia che lascia maggiore libertà e che consente allo studente di argomentare le proprie idee al meglio. Credere che si tratti di una traccia semplice però è del tutto sbagliato. Dato che non è un tema guidato come invece sono gli altri, è importante saper scrivere davvero molto bene. Inoltre è importante essere persone riflessive, che sanno argomentare al meglio ogni idea, mai banali, altrimenti c’è il rischio che il proprio lavoro risulti privo di spessore. Per ultimo, ma non per questo meno importante, è fondamentale conoscere quel tema di attualità in modo approfondito.

Nella scelta della traccia è sempre bene non farsi prendere dal panico, così come nella realizzazione del testo. È bene quindi:

  • Leggere con estrema attenzione tutte le tracce prima di scegliere quella da realizzare. Questa lettura potrebbe portarvi via un po’ di tempo, ce ne rendiamo perfettamente conto, ma è importante che si tratti di una scelta oculata.
  • Non iniziate a guardarvi intorno con la speranza di riuscire a capire quali tracce hanno scelto i vostri migliori amici. Prima di tutto non riuscirete a capirlo e in secondo luogo non vi servirebbe a niente. Voi non siete i vostri amici e avete attitudini del tutto diverse dalle loro. All’esame di stato è bene pensare solo a se stessi.
  • Ricordate che avrete a disposizione 6 ore di tempo per consegnare il lavoro. Potete anche decidere di realizzare una brutta copia in cui andrete ad inserire ogni schema logico di cui avete bisogno per poter realizzare il testo e ogni possibile argomentazione che vi venga in mente, ma è fondamentale lasciarsi del tempo sufficiente per la messa in bella. A nostro avviso è sempre bene stare larghi con i tempi. Lasciatevi almeno 45 minuti!

Ricordiamo a tutti gli studenti che la prima prova scritta vale 20 crediti e che è possibile portare con sé penna, matita, dizionario della lingua italiana. Non dimenticatevi ovviamente la carta d’identità!

 

Leave a comment

Your email address will not be published.


*