Viaggiare per scoprire le migliori aziende italiane, quelle più innovative: focus on Giuseppe Piro

Viaggiare è senza dubbio meraviglioso, perché ogni viaggio consente di andare alla scoperta di luoghi sempre nuovi, di entrare in contatto con culture che possono essere anche diametralmente opposte alla propria, senza dimenticare poi tutte le persone che sul proprio cammino è possibile incontrare, incontri che possono cambiare del tutto il nostro modo di guardare al mondo, la nostra stessa vita. Sì, viaggiare è senza dubbio meraviglioso, ma molte persone credono che sia così solo ed esclusivamente quando si viaggia nel proprio tempo libero, per piacere, credendo che invece un viaggio di lavoro non possa assolutamente assumere sulle proprie spalle queste eccezionali caratteristiche. Forse è così per coloro che viaggiano a causa di un lavoro che gli sta un po’ troppo stretto, a causa di un lavoro che proprio non riescono a suggerire. Quando passione e lavoro però si eguagliano, quando sono la stessa identica cosa, il discorso cambia.

Giuseppe Piro è un uomo che viaggia per lavoro, certo, ma che infonde in ogni viaggio una passione semplicemente incredibile, un uomo che il suo lavoro lo ama anche se desidera che possa essere un’attività in sempre continuo mutamento, un uomo che ha dato un nuovo senso al “lavoro viaggiando”. Giuseppe Piro si occupa di web. È un esperto conoscitore delle regole del web marketing, conosce il mondo della comunicazione in modo impeccabile, sa come gestire siti internet e social network, ha all’attivo una rete di ben 350 blog tematici, una vera e propria passione per il digitale e per le infinite possibilità che offre a coloro che vogliono nella nostra epoca contemporanea poter comunicare al meglio con gli altri, sentendosi sempre in connessione con ogni luogo del mondo, con ogni persona.

Giuseppe Piro ama attraverso tutti quei canali raccontare le aziende. In molti forse potrebbero credere che ama farlo perché questo gli porta molti soldi nelle sue casse aziendali. Certo, lo fa per lavoro, ma ama davvero raccontare le aziende perché sa che attraverso i suoi racconti può offre tutti i clienti finali, i consumatori, la possibilità di scegliere solo le aziende più interessanti e di lasciare da parte quelle che invece di interessante non hanno assolutamente niente.

Proprio lui ha fondato aziendecheinnovano.it, un sito internet di storytelling aziendale che è nato per le piccole e medie imprese, anche start up ovviamente, che vogliono potersi raccontare, mettendo a nudo se stesse, lasciando che i possibili clienti vadano alla scoperta dei loro più piccoli segreti. Perché è mettendo a nudo se stessi, nella vita così come in ambito lavorativo, che è possibile arrivare al cuore delle persone, farle innamorare, fare in modo che restino al nostro fianco per sempre.

Lo storytelling aziendale è diventato di moda nel corso di questi ultimi anni e quindi c’è da chiedersi se questo sito internet riesca ad essere abbastanza concorrenziale. Sì, ci riesce, soprattutto per un piccolo dettaglio che è però capace di fare la differenza. Molti di colori che hanno deciso di darsi allo storytelling aziende lo fanno dal loro ufficio, dal loro computer, da una comfort zone dove possono sentirsi intimi, protetti, tranquilli e capaci di dare quindi ottime performance nella scrittura, ma da remoto non possono conoscere le aziende davvero.

Come può una persona che si trova davanti al suo computer nel suo ufficio di Milano sapere tutto su un’azienda che si trova a Palermo se non ha avuto modo di andarci di persona? Come può soprattutto raccontarla con il fine di stupire ed emozionare? Come può garantire un prodotto che sia lo specchio dell’anima aziendale? Ecco perché Giuseppe Piro ha deciso di cambiare le carte in tavola e di rendere lo storytelling genuino e veritierio, semplicemente intraprendendo un viaggio in Italia che lo sta portando a scoprire luoghi sempre nuovi, ad allacciare sempre nuovi rapporti di amicizia e collaborazioni, a vedere con i propri occhi, di persona, le migliori aziende innovativi di piccole e medie dimensioni. È questo elemento che fa la differenza!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*