Forex, spieghiamo il mercato valutario

La parola “Forex”, abbreviazione comunemente utilizzata per “Foreign Exchange”, indica il mercato dove sono negoziate le valute di tutti i paesi del mondo.

Il Forex coinvolge, non solo aziende e privati, ma anche gli istituti finanziari, le banche e gli Stati. Il giro d’affari medio giornaliero stimato per le negoziazioni internazionali di valute estere ammonta a 5 mila miliardi di dollari. L’elevato numero di trader e l’enorme quantità di operazioni giornalmente rendendo tale mercato tra i più liquidi del mondo. Uno dei vantaggi più importanti nell’operatività sul mercato valutario risiede nell’alta volatilità che lo caratterizza. La volatilità è un indicatore che calcola la variazione percentuale dei prezzi nel tempo. Più ampie sono le oscillazioni di prezzo e maggiore sarà la volatilità.

I prezzi Forex sono sempre quotati in coppia di valute, ecco perché l’acquisto di una valuta implica la vendita di un’altra. Pertanto il valore di un determinato cambio altro non è che il rapporto tra due valute e viene detto anche tasso di cambio.

Le valute sono scambiate attraverso un network globale di intermediari, dealer e broker. Il Forex non è un mercato standardizzato e non è sottoposto alle regole di una specifica borsa di riferimento, per questo viene definito Over the Counter (OtC).

È possibile operare su questi mercati per 24 ore al giorno, 5 giorni alla settimana, dalle 23:00 di domenica in Italia alle 22:00 di venerdì. Per fare trading sul mercato Forex è necessario rivolgersi ad un intermediario (broker), che abbia a disposizione una piattaforma semplice, veloce e completa.

Come abbiamo già detto, i protagonisti degli scambi sono le valute, i cui prezzi sono quotati in coppia. Le coppie di valute forex sono indicate con un codice a tre lettere, una barra (/) e un altro codice a tre lettere come GBP/USD (sterlina contro dollaro americano). La prima valuta nella coppia è detta valuta di base, la seconda valuta nella coppia è detta valuta quotata.

Nel trading con i CFD (contratti per differenza), se si compra una coppia si dice andare long e si guadagna sul rialzo, mentre se si vende la coppia valutaria si dice andare short e si guadagna sul potenziale ribasso.

Le caratteristiche che stanno facendo del Forex un mercato trattato da sempre più persone possono essere riassunte in 4 punti:

-La leva finanziaria, che permette di aprire grosse posizioni con piccole somme. I broker danno la possibilità di operare con capitale preso in prestito, dunque sarà possibile ottenere buoni profitti senza dover investire grossi capitali. Ad esempio, se si opera con una leva 1:100, per ogni euro investito se ne avranno altri 99 in prestito per un controvalore totale di 100 euro. 100 euro investiti con leva 1:100 diventano 10.000 euro disponibili. In questo modo si potranno aumentare i guadagni, ma anche le potenziali perdite.

-L’alta liquidità, che previene qualsiasi tentativo di manipolare il mercato, in quanto nessun investitore dispone del denaro necessario per manipolare il mercato.

la possibilità di fare profitto sia sui rialzi sia sui ribassi.

-L’assenza di commissioni o canoni mensili. L’unica fonte di guadagno dei broker è lo spread, ovvero la differenza tra prezzo di vendita e di acquisto (ti consigliamo di verificare con il tuo broker).

Detto questo, si potrebbe pensare che fare trading sul forex sia un’ottima occasione per guadagnare enormi cifre ed arricchirsi senza grandi sforzi. Il forex non è, meglio precisare, un modo per guadagnare online senza rischi e senza sforzo. In realtà, per maturare profitti è fondamentale avere molta esperienza nel settore e un’ottima conoscenza dei principi che regolano questo mercato.

Esistono numerose risorse online che possono aiutarti a studiare l’argomento nel dettaglio. Quasi tutti i principali broker offrono una sezione didattica che illustra strategie e operatività del trading sul mercato valutario. Noi ti consigliamo di visitare la sezione didattica ospitata dal sito del broker IG. Troverai diverse video lezioni firmate da traders affermati (Bruno Moltrasio, Arduino Schenato e Luca Discacciati) e dai market strategist Filippo Diodovich e Vincenzo Longo. Gli analisti di casa IG firmano, inoltre, una guida al forex che è possibile scaricare gratuitamente (https://www.ig.com/it/guida-al-forex). Questo manuale si distingue da altri testi simili per l’approccio molto pragmatico adottato dagli autori, ogni capitolo è infatti corredato da esercizi pratici che aiutano il lettore ad assimilare i concetti teorici e a comprendere la portata e le ricadute delle divere operazioni di mercato consentite.

Insomma, sebbene il mercato valutario rappresenti un’opportunità d’investimento molto interessante, è fondamentale prepararsi adeguatamente, associando lo studio alla pratica con un conto demo che consenta di sperimentare con soldi virtuali.

I CFD sono prodotti a leva. Il trading con i CFD potrebbe non essere appropriato per tutti e può determinare perdite che eccedono il vostro investimento iniziale; accertatevi di aver pienamente compreso i rischi a cui potreste incorrere.

Francesco Fucà

Post della stessa categoria: